Via un milione e mezzo al giorno I perdenti malati delle slot machine

Da Il corriere della Sera del 4 ottobre 2010

di Galli Andrea



Le vite rovinate e i trucchi dei cinesi. «Godo a sentir scendere i soldi» Le vincite Le cifre

ufficiali dicono che si vince dal 70% delle giocate in su. I baristi assicurano però che la

soglia è al massimo del 30%




MILANO - La dea bendata è una bionda scollata, alla combinazione vincente si manifesta sullo schermo,

manda un abbraccio e un grosso bacio, sorride e più sotto tutto tintinna: in cassa scendono le monete,

ma più che una vittoria, signorina porti pazienza, è un' elemosina. Al centoquattresimo euro giocato, ne

stanno tornando indietro appena sette. È un gioco a perdere. Sono macchinette che mangiano soldi, li

digeriscono e di rado, con una fastidiosissima stitichezza, li espellono. Eppure c' è gente che ci fa una

malattia: a Milano, 16 mila slot machine, nei bar. Per macchinetta si stima, stando tremendamente al

ribasso, un totale di 100 euro complessivi di giocate al giorno. Così arriviamo a un quotidiano giro d'

incassi di un milione e 600 mila euro. Ora, le cifre ufficiali dicono che si vince dal 70% delle giocate in

su. I baristi confidano che la soglia è al massimo del 30%. In piedi o seduti - seggiolini sgualciti, vissuti,

sciupati -, davanti alla macchinetta si sta soli e silenti. Prendiamo questo signore. Siamo in corso

Colombo, davanti alla stazione di Porta Genova. La saletta con le slot pare un sotterraneo. Il tizio,

dicevamo. Suda, sbuffa, bestemmia. In cinquanta minuti esegue settanta giocate per quindici vincite.

Qui lo chiamano il professore. La slot la inventò, sul finire del 1800, un americano che, raccontano,

arrivava dalla Germania. Un immigrato. Se ne intendono, gli stranieri, più degli indigeni: certi cinesi

girano con una specie di cellulare capace di mandare in tilt i software delle macchinette. Temuti, i cinesi.

Capita che qualche barista se li vede entrare corre a staccare la spina. Sostengono dati del Comune di

Milano che in città un adolescente su due, l' ultimo anno, ha giocato almeno una volta. Il popolo che

però s' incontra è adulto e di un sesso in particolare. In un bar, mercoledì, eravamo circondati da cinque

signore; il giorno dopo, in pausa pranzo, da tre; sabato pomeriggio, da quattro. Dodici persone. Tutte

difficili da avvicinare: la pausa sigaretta non esiste, si fuma intanto che si smanetta; se il telefonino

squilla mettono giù la chiamata e non c' è nemmeno un attimo buono, di distrazione, per agganciarle.

Una tira un pestone al video, un' altra maledice, un' altra chiede soldi in prestito. «Hai dieci euro da

darmi?». Come butta oggi? «Male». Vinto poco? «Perso tanto». Leggerai, lo sentirai in giro: dicono che i

giocatori di slot son dei malati, dei poveracci. «Bello, ognuno ha le sue manie». Questa rovina. «Uff... ma

la goduria della vittoria, di vederti regalare del denaro...». C' è chi perde il lavoro, la macchina, i

figli... «Io so quando fermarmi». Non è adesso. Si aggiusta la coda, ondeggia il collo come il pugile che

sale sul ring, schiaccia start, e buona sorte. Dice lo psichiatra Claudio Mencacci che con le slot i maschi

sono giocatori per eccitazione - la sfida, il bottino, la conquista - e le femmine per fuga. «La dipendenza

scatta più avanti con l' età. Prima, hanno altri orologi biologici». Mencacci e Francesca Merzagora,

presidente di O.N.Da (Osservatorio nazionale sulla salute della donna) hanno messo a punto un piano

con Sisal, la concessionaria di giochi e lotterie: numeri di aiuto da chiamare, borse di studio per

analizzare e approfondire il fenomeno, corsi per i titolari di bar, che si accorgano e vigilino meglio, di

più. Tolte le tasse, peraltro superiori al 10%, il resto degli introiti se lo dividono barista e gestore delle

macchinette. Un' inchiesta della polizia ha scoperto che il clan milanese Valle-Lampada della '

ndrangheta apriva aziende di distribuzione di slot: gli incassi erano così elevati da «lavare», dunque

giustificare, i proventi dei malaffari. C' è l' inganno e ci sono i trucchi. Uno viene insegnato nei forum su

Internet. Di solito le slot hanno due casse, una per le giocate e una per le vincite. Quando mettete la

moneta, prestate ascolto. Cadendo in una o nell' altra cassa, a seconda del suono si potrà capire quanti

soldi sono presenti, a quanto ammontano giocate e vincite, e comportarsi di conseguenza. Giocare, o

lasciar perdere. Di solito si continua a giocare, e ci si lascia perdere.



I numeri: 16 mila, è il numero delle slot machine a Milano 1895 è l' anno di nascita della prima slot. Fu

inventata negli Stati Uniti da Charles Fey: aveva tre ruote girevoli con i simboli degli ori, delle picche e

dei cuori 50% è la percentuale degli studenti milanesi tra i 15 e i 19 anni che ha giocato almeno una volta

alle slot machine nell' arco dell' ultimo anno, secondo studi del Comune 13,5% è la percentuale che lo



Stato trattiene sul totale del giocato in Italia 3,5 miliardi, è la cifra spesa dai milanesi in un solo anno

secondo l' indagine dell' Agicos


Associazione Orthos

Strada Ville di Corsano > Grotti-Bagnaia 1216
Monteroni d’Arbia - 53014 - SIENA

CF 92039270522
P. IVA 01173380526
IBAN IT85F0103014200000009427357

Contatti

  • Siena: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 393 9119924
  • Milano: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 339 8571919
  • Roma: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 3470568333