Ricerca “Net Children Go Mobile”

Il 53% dei ragazzi tra i 9 e i 16 anni possiede uno smartphone e il 48% lo utilizza quotidianamente per andare online. L'86% dei bambini e dei ragazzi italiani tra i 9 e i 16 anni dice di "sentirsi più vicini ai propri amici" grazie al telefonino. Questi sono i primi dati emersi dal nuovo progetto di ricerca Net children go mobile, finanziato dal Safer Internet Programme. È stato somministrato un questionario a 2.000 ragazzi utenti internet tra i 9 e i 16 anni e ai loro genitori in Danimarca, Italia, Regno Unito e Romania. Le differenze fra paesi, nell'uso dello smartphone e del web, sono ancora notevoli. Giovanna Mascheroni, ricercatrice OssCom-Centro di ricerca sui Media e la Comunicazione dell'Università Cattolica di Milano e coordinatrice di Net Children Go Mobile, commenta: «In Italia il 42% dei ragazzi che usano internet accede alla rete quotidianamente dallo smartphone o da un cellulare abilitato. Di questi, il 51% si connette a internet sia attraverso reti wifi che usando il 3g, il 28% usa solo le reti wifi, e solo il 7% dei ragazzi italiani ha un cellulare che non permette la connessione a internet.» Il rapporto mostra anche il consolidamento di una tendenza già in atto, la privatizzazione dell'accesso e dell'uso di internet. Gli smartphone sono i devices più utilizzati fuori casa e in movimento, con il 26% dei ragazzi di tutti i paesi che li usa ogni giorno per andare online durante gli spostamenti quotidiani, ma in realtà sono usati soprattutto in casa. Le percentuali si dimezzano con il tablet: lo possiede uno su cinque e il 23% lo usa giornalmente per connettersi a internet.
Rispetto al 2010 crescono i ragazzi che segnalano pericoli in rete. Due su tre tra le vittime di cyberbullismo ne sono ancora turbate, mentre la percentuale scende al 50% tra chi invece ha ricevuto messaggi sessualmente espliciti (sexting). L'accesso a internet, quindi, rende più esposti a rischi, ma non necessariamente più vulnerabili, è la conclusione della ricerca.
Il 39% degli intervistati usa lo smartphone nella privacy della propria cameretta. «La casa resta il principale luogo di accesso alla rete da una molteplicità di piattaforme e questo vale soprattutto per l'Italia, dove l'81% dei ragazzi di 9-16 anni dichiara di usare internet tutti i giorni a casa, mentre solo l'8% accede quotidianamente a internet da scuola», spiega Mascheroni. Rispetto ai dati del 2010 di Eu Kids Online sulle attività più popolari tra i ragazzi in rete, i dati Net Children Go Mobile mostrano un netto incremento dell'uso dei social network e altre piattaforme di condivisione mediale come YouTube e Instagram. I ragazzi che usano anche uno smartphone o un tablet per andare online, visitano i social network e i social media in misura maggiore rispetto ai coetanei che non li usano. Si può osservare, secondo la ricerca, una correlazione fra uso di dispostivi mobili e uso dei social media. In Italia, il 64% dei ragazzi intervistati ha un profilo su un sito di social network, dato al di sotto della media dei 4 paesi (che si assesta al 70%). Questa differenza si spiega con una più bassa percentuale di underage use, cioè di ragazzi che creano un profilo su un sito di social network quando non hanno ancora raggiunto il limite di età per registrarsi. Nel nostro paese solo il 15% dei bambini di 9-10 anni e il 52% dei ragazzi di 11-12 anni ha già un profilo sui siti di social network. Fra gli adolescenti, invece, l'uso dei social network è superiore a quello dei coetanei inglesi e romeni, e di poco inferiore a quello dei ragazzi danesi: hanno un profilo sui social network il 90% dei ragazzi italiani di 13-14 anni e il 93% dei 15-16enni. Il 96% dei giovani italiani che usano i social network indica in Facebook la piattaforma preferita e più usata. Facebook è il social network più popolare in tutti i paesi coinvolti nello studio, ma si segnala anche un 24% dei ragazzi inglesi che usa in prevalenza Twitter.
E i genitori? In quattro anni sono diminuiti coloro che limitano l'accesso alla rete (dall'89 al 67%, che oggi dichiara di fissare delle regole per la navigazione). Il 57% proibisce ai figli di dare informazioni personali in rete, mentre il 56% vieta la geolocalizzazione e il 77% non può scaricare app a pagamento. Più limitato l'accesso ai piccoli, tra i 9 e i 12 anni: sei genitori su dieci non vogliono che i minori abbiano un profilo sui social network. In media, i ragazzi hanno molte competenze sull'uso dei telefonino: in un indice da 0 a 11, la competenza minima è di 3,9 per i bambini di 9-10 anni che cresce progressivamente fino all'8,9 tra i 15 e i 16 anni.

Fonti:
- Adnkronos
- La Stampa
- Net Children Go Mobile


Associazione Orthos

Strada Ville di Corsano > Grotti-Bagnaia 1216
Monteroni d’Arbia - 53014 - SIENA

CF 92039270522
P. IVA 01173380526
IBAN IT85F0103014200000009427357

Contatti

  • Siena: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 393 9119924
  • Milano: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 339 8571919
  • Roma: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 3470568333