Gioco d'azzardo patologico: ieri il dibattito in Pilotta

PARMA, 25 LUGLO - Oltre un centinaio di persone – tra i settanta che hanno assiepato i posti a sedere sotto il palco, esaurendoli, più quelli che si sono accomodati sul prato della Pilotta – hanno seguito con grande attenzione l’interessante incontro dibattito di ieri sera dal titolo “Gioco d’azzardo patologico, nuova emergenza sociale”, organizzato nell’ambito del progetto socio-sanitario “Sotto le Stelle… in Piazzale della Pace” iniziativa dell’Agenzia alla Sanità e Politiche per la Salute del Comune di Parma, in collaborazione con l’AUSL di Parma, che per tutta l’estate propone un ricco calendario di appuntamenti con musica, teatro, musical, spettacoli, concerti e, appunto, dibattiti sulle dipendenze patologiche che  si susseguono come strumenti innovativi per informare e sensibilizzare ai corretti stili di vita.

Al computo di chi in qualche modo ha seguito la serata vanno aggiunti anche i tanti passanti che almeno per qualche minuto sono stati attratti dalla voce stentorea dell’attore Caio Guain che ha letto – mettendoci il cuore e non solo la professionalità, magistralmente accompagnato dalle note al pianoforte di Francesco Palmas – significativi brani da “Il giocatore”, romanzo autobiografico di Fedor Dostoevskij oltre ad alcune toccanti testimonianze di  ex giocatori patologici, curati, con successo dalla comunità terapeutica Orthos di Milano, il cui leader, il professor Riccardo Zerbetto è stato ospite d’onore della serata, condotta da Paola Valla, con interessanti interventi della Dott.ssa Maristella Miglioli, Psichiatra dell’Ambulatorio per Il Gioco D’azzardo Patologico del Ser.T di Parma; del dottor Franco Giubilini, Direttore Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell’AUSL di Parma, e del “padrone di casa”, il Delegato del Sindaco alla Sanità Fabrizio Pallini.

Già nella conferenza stampa di presentazione del dibattito si era evidenziato – e durante il convegno è stato ribadito – come Parma non faccia eccezione: anche nel nostro territorio si calcola che una percentuale superiore all’ 1% della popolazione sia interessata dalla patologia del gioco compulsivo, senza dimenticare tutto il sottobosco che il dottor Pallini invita a far emergere, dal momento che finora sono appena 60 i giocatori “all’ultimo stadio” che si sono presentati al Sert per essere curati.

“All’ultimo stadio”, perché prima il giocatore incallito e malato – che pure è un grande bugiardo prima di tutto con sé stesso oltre che con gli altri – nega l’evidenza e non chiede aiuto, e quando lo fa, spesso, è troppo tardi. Malati, più che viziosi, i giocatori dovrebbero essere assistiti dai servizi socio-sanitari, e in questo senso si può fare di più. “Il problema – per Pallini – è l’argent, i soldi, che lo Stato in primis, e di conseguenza le Regioni, dovrebbero investire anche per combattere questa dipendenza patologica, come tanto è stato fatto, ad esempio, per la lotta contro il fumo. E se le scritte Marlboro o Muratti sono state fatte da tempo cancellare in Formula Uno, per il gioco, al contrario, vengono finanziate vere e proprie campagne pubblicitarie a favore, incitando a essere “Baciati dalla Fortuna”.

Nel loro piccolo Comune di Parma, grazie all’Agenzia per la Salute, ed Azienda Usl hanno cercato di dare il buon esempio proprio con il dibattito di ieri sera a “Sotto le Stelle… in Piazzale della Pace”, foriero, magari, di una futura collaborazione con gli specialisti di Orthos, che sono riusciti finora a “curare” con successo circa 120 casi, senza spaventarsi per alcune inevitabili ricadute, che come per ogni dipendenza patologica, purtroppo, sono all’ordine del giorno. Ma davanti all’insuccesso temporaneo non ci si può fermare né scappare come purtroppo qualche giocatore tende a fare. “Purtroppo nel nostro Paese, dove il 70% delle persone gioca, e circa l’1,5% della popolazione lo fa in modo compulsivo, il Governo non fa nulla – denuncia il professor Zerbetto – in Svizzera, ad esempio, il 5% dei proventi del mercato del gioco vengono reinvestiti per campagne di sensibilizzazione e cura. In Italia, invece, siamo continuamente invitati a giocare perché semplifica la vita: un messaggio distorto che spinge i giovani a spendere qualche soldarello appunto nel gioco, piuttosto che a comprare un buon libro.”

Il dottor Franco Giubilini, parso assai convinto dalla metodologia di lavoro di Orthos, che prevede un programma intensivo con una durata predefinita di 21 giorni, ha lanciato una provocazione: “Il fenomeno è sociale oltre che biologico e patologico: sarebbe bello vedere se, alla pari di alcune malattie sociali, come sono state certe infezioni, anche in questo caso fosse possibile fare qualche forma di immunizzazione o di vaccinazione, che sono stati strumenti fenomenali per altre patologie sociali… Il tentativo di questa sera è proprio quello di introdurre qualche anticorpo che ci aiuti a cadere meno in questo tipo di patologia.”

La dottoressa Miglioli ha tracciato l’identikit di chi, colto dalla febbre del gioco, si è rivolto al Sert: “Sono due le fasce d’età: 40-50 anni ed ultra 60enni; il reddito è medio-basso e così anche il livello di istruzione, con situazioni sociali disagiate (lavori precari, pensionati, single con difficoltà di reddito). Iniziano a giocare in solitudine, per frustrazione, noia e vuoto: alla fine, anche per questo tipo di vulnerabilità, faticano ad uscire dal tunnel nel quale sono piombati. E ai servizi arrivano spinti dalle famiglie, quando la situazione debitoria li ha messi in grave crisi. Al momento dell’accoglienza noi facciamo una valutazione di tipo psico-diagnostico delle loro problematiche rispetto all’attività al gioco, e della loro capacità di gestire il denaro, perché questo è il sintomo principale. Se nessun famigliare è in grado di farlo, in casi estremi, arriviamo a proporre l’amministratore di sostegno.”

 

da: http://www.parmaok.it/cronaca/dibattito_gioco_d_azzardo_parma_pilotta_rischi.aspx


Associazione Orthos

Strada Ville di Corsano > Grotti-Bagnaia 1216
Monteroni d’Arbia - 53014 - SIENA

CF 92039270522
P. IVA 01173380526
IBAN IT85F0103014200000009427357

Contatti

  • Siena: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 393 9119924
  • Milano: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 339 8571919
  • Roma: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 3470568333