Attenti alla « facebook-dipendenza»

LO STUDIO - Ideata dalla psicologa Cecilie Schou Andreassen dell’Università di Bergen, in Norvegia, in base
allo studio da lei condotto nel gennaio dell’anno scorso su 423 studenti (227 femmine e 196 mSachi), la “Bergen
Facebook Addiction Scale” è caratterizzata da sei domande premonitrici (le stesse fra l’altro usate dai medici per
scoprire se uno è dipendente da alcool o droghe) che, attraverso cinque modalità di risposta graduale (“molto
raramente”; “raramente”; “talvolta”; “spesso” e “molto spesso”), permettono di stabilire il tipo di rapporto che un
individuo instaura con il social network, valutandone così l’eventuale rischio dipendenza. Un allarme che,
secondo la dottoressa Andreassen e il suo team, scatterebbe già dopo che a 4 domande su 6 si è risposto “spesso”
o “molto spesso”.



«ASSIMILABILE ALLA DROGA» - Ma c’è di più. Pubblicati sul “Psychological Reports” , i risultati della
ricerca evidenziano infatti come, stante la natura “social” di Facebook che evita il faccia-a-faccia con “l’amico
online” con cui siamo in contatto, la dipendenza dal social network sia assai più comune fra gli utenti giovani,
quelli più ansiosi e socialmente insicuri e le donne, mentre gli adulti, le persone più ambiziose e quelle
maggiormente organizzate sono in grado di gestire meglio il loro rapporto con Facebook, senza quindi farsi
sopraffare. «L’uso di Facebook è aumentato rapidamente – ha spiegato la dottoressa Andreassen sul Daily Mail–
e questo ci ha portato a scontrarci con una serie di dipendenze collegate ai social media che possono essere
assimilate alle droghe».

LE SEI DOMANDE - E per chi volesse sottoporsi al test per misurare il proprio grado di “dipendenza da
Facebook”, ecco qui le 6 domande-spia alle quali rispondere usando la scala di valutazione in cinque punti di cui
sopra (ovvero: 1-molto raramente; 2-raramente; 3-talvolta; 4-spesso; 5-molto spesso) e sommando poi i
punteggi ottenuti:

1 – passi molto tempo pensando a Facebook e a collegarti online per usarlo?
2 – senti il bisogno di usare Facebook spesso e per lungo tempo?
3 – usi Facebook nel tentativo di dimenticare i tuoi problemi personali?
4 – hai cercato di ridurre l’uso di Facebook ma senza riuscirci?
5 – ti agiti o diventi irrequieto se ti proibiscono di usare Facebook?
6 – l’uso di Facebook ha avuto ripercussioni negative sul tuo studio o sul tuo lavoro?

(Fonte Corriere della Sera Milano)


Associazione Orthos

Strada Ville di Corsano > Grotti-Bagnaia 1216
Monteroni d’Arbia - 53014 - SIENA

CF 92039270522
P. IVA 01173380526
IBAN IT85F0103014200000009427357

Contatti

  • Siena: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 393 9119924
  • Milano: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 339 8571919
  • Roma: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 3470568333